Nome in codice: "Shake & Inspire"

( ovvero: scuoti la mente e ispirati! Avventura nella scrittura creativa )

Ho perso ormai il conto di quanto abbia scritto in vita mia: racconti, temi (anche di altri!), tesine, poesie, testi teatrali, articoli, lettere, fino alle recenti e-mail di lavoro, di corteggiamento, di promozione. Scrivere è stato un diletto e non un incubo, come è invece stato per tante mie conoscenze che litigavano con la propria mente ancor prima che con il foglio (o il monitor). Scrivere oggi è diventato il mio lavoro, al pari di accompagnare le persone e di divulgare, ma mi diverte ancora. Ed è la sensazione che vorrei provassero tutti partecipando alla mia escursione nel mondo della letteratura, una letteratura non aulica ma personale, che non può spaventare ma che diverte. E sorprende.
Utilizzare le parole e la fantasia per scrivere un romanzo in un paio d'ore: impossibile. Ma in due ore si può ugualmente fare molto, come ad esempio scuotere e stimolare la capacità di narrazione, prendere atto che, quando si prova a scrivere, nessuna idea sia mai stupida, acquisire la consapevolezza che le parole dette a caso possano essere lo spunto giusto per costruire una bellissima storia.
Senza tralasciare la grammatica e osservando alcuni "non vincoli" dettati dal conduttore, si potrà giocare a inventare collettivamente, scoprendo quanto possa essere divertente confrontarsi con gli altri e arrivare, insieme, a un risultato letterario di un certo potenziale, che potrà essere sviluppato in classe successivamente.
A richiesta dell'insegnante si può rendere mirata l'esperienza facendo riferimento ad autori specifici, anche se suggerisco sempre di lasciare più spazio possibile alle intuizioni del momento e alla libertà dei partecipanti. L'avventura di scrittura creativa è indicata anche per i più grandi ed è un ottimo strumento per rendere più simpatico scrivere persino a coloro che entrano in panico o depressione al solo sentire la parole "tema in classe".

(Durata 2h circa, minimo 40 persone, dalla classe I media. Costo per studente € 4,50. Disponibili agevolazioni/voucher per ragazzi con famiglie in difficoltà economiche)



Museo del Falso e dell'Inganno

Nell'epoca attuale siamo tutti quanti sovraesposti a una quantità di informazioni praticamente ingestibile. Il rischio è di venire sopraffatti non tanto dai contenuti ma dalle "prime impressioni" che certe notizie suscitano.
Giocare sulle emozioni, ormai da tempo, è diventato il meccanismo più sfruttato per condizionare e manipolare le opinioni delle persone che, quando sprovviste di sufficiente capacità critica, preferiscono credere a ciò che maggiormente gradiscono ignorando la realtà dei fatti, con le inevitabili conseguenze negative anche a danno della collettività.
Falseum - Museo del Falso e dell'Inganno, aperto dal 2015 all'interno delle mura del Castello di Verrone (BI), con le sue stanze tematiche si pone l'obiettivo di stimolare i visitatori a imparare a ragionare nel modo corretto ogni volta che si trovano di fronte a un'informazione, così da evitare, o almeno limitare, i rischi di diventare inconsapevoli strumenti per la diffusione di pericolose falsità.
Per le scuole sono disponibili approfondimenti a tema scientifico, giornalistico, storico e artistico, culminanti con la produzione, nello studio televisivo di Falseum, di alcune "fake news", al fine di testare i suggerimenti ricevuti durante la visita guidata*, non priva quest'ultima di sorprese "a tema"

* visite guidate su prenotazione per gruppi di adulti (durata circa 90 minuti) o di studenti (durata circa 2 ore con attività di laboratorio), dalla classe IV primaria.

In collaborazione con:



COMING SOON! La filosofia degli extraterrestri

Un gioco d'immaginazione per comprendere meglio vizi e virtù del genere umano e sensibilizzare sull'importanza del cambiamento in positivo della collettività


torna indietro